sabato 4 luglio 2009

Una sera di Poesia a Lecce













Poesia

Il prossimo venerdì, 10 luglio, a Lecce, in Piazza Ludovico Ariosto, la seconda edizione di “Una sera di poesia” pensata ed organizzata dalla Libreria Palmieri con la I Circoscrizione di Lecce.

Per ri/trovarsi

Dedicare un giorno alla poesia. Meglio, una sera! Il prossimo venerdì, 10 luglio, nella piazza dedicata al poeta che cantò “le dame, i cavalier, l’arme e gli amori”. Un omaggio al verso che diventa metafora di quella bellezza - come asseriva Dostoevskij - che salverà il mondo. Ma a cosa serve oggi la poesia? “La poesia serve per continuare a credere. È la possibilità di guardare la realtà con sentimenti profondi, superando la superficialità; perché c’è bisogno di penetrare nei segreti, nei sentimenti delle cose che ci circondano”. Spiega Daniela, tra le responsabili della storica Libreria Palmieri, ideatrice dell’iniziativa “Una sera di poesia” organizzata dalla stessa libreria in collaborazione con la I Circoscrizione di Lecce.

Un’adunata poetica, dunque, in piazza Ludovico Ariosto dove si incontreranno poeti per declamare i propri versi o appassionati che reciteranno le liriche scelte tra le pagine più belle e significative della letteratura mondiale. Musiche, versi, con uno spazio alla danza. Un viaggio, andata e ritorno dalla mente al cuore. La poesia, allora, come panacea contro i mali del mondo? “La poesia probabilmente più della lettura può essere considerata come una sorta di antidoto contro l’indifferenza, la solitudine e il materialismo” - e aggiunge Daniela - “confortati dal successo di pubblico, con la partecipazione indiscriminata di giovani e meno giovani, abbiamo deciso di dare continuità all’iniziativa, ideata lo scorso anno in occasione del rifacimento di piazza Ludovico Ariosto”. Una piazza che si è rivelata suggestiva location non solo per il nome essendo dedicata al grande poeta de L’Orlando Furioso. “Potrebbe sembrare banale ma se si pensa alle vie che si aprono intorno alla piazza dedicate ad altrettanti poeti illustri, Torquato Tasso e Giuseppe Parini, la coincidenza toponomastica non sembra affatto casuale. E poi in questa piazza ci sono due meravigliosi alberi secolari, e si narra che Foscolo e Parini proprio all’ombra di un albero amavano incontrarsi e discutere di poesia e di problemi politici. C’ è poi anche un episodio che mi piace raccontare, ogni mattina, verso le undici due residenti si danno appuntamento su una panchina per giocare una partita a scacchi. Un fatto che ci induce a riflettere sul bisogno che la gente ha di uscire dai condomini per ritrovarsi in piazza”. Che è anche un ribadire il concetto di agorà e all’urgenza di ripensare alla valorizzazione di questi spazi della città.

E quale migliore occasione di un rendez-vous a più voci con la poesia? Un incontro che già può contare sulla presenza di Maurizio Nocera, Mauro Marino, il gruppo de “L’incantiere” coordinato dal professore Arrigo Colombo. E ancora Enrico Vergallo, Laura Sabatelli e tutti i componenti della I circoscrizione con il presidente Pasquale Aralla. Preziosa anche la collaborazione di Ambra Biscuso, del musicologo Eraldo Martucci che presenterà la serata e della Fondazione Nireo che curerà le performance di musica classica e moderna mentre il cubano Jorge Ruiz ricreerà con la sua chitarra intriganti atmosfere cubane. La partecipazione è aperta a tutti ma per motivi organizzativi è necessario comunicare la propria adesione al numero 0832.391147. Infine, si segnalano altri due imperdibili incontri d’autore: sabato 4 luglio nell’ambito della “Notte Bianca”, Anna Palmieri presenta Emilia Bernardini autrice di “Abeti Rossi” (edizioni Robin) nella splendida cornice del Teatro Romano (ore 22); e giovedì 9 luglio con Fabio Chiarelli che introduce Maurizio De Giovanni autore del romanzo “Il posto di ognuno”, Fandango edizioni (Officine Cantelmo, ore 19). (Antonietta Fulvio)

Nessun commento: