martedì 16 marzo 2010

A Salvatore Toma

Il 17 marzo di 23 anni fa Salvatore Toma, di Maglie, saliva sul più grande albero di quercia del Salento, dal quale non sarebbe mai più ridisceso.


FUCITI FUCITI VAGNUNI, LU TOTU È MORTO!

Sciàmu sciàmu vagnuni!
Fucìti fucìti tutti quanti!
Vagnuni, gente fucìti!
Pòpulu de Maie curri curri!
Dicìane ca lu Totu è mortu.

- Ci è è mortu? Ci è mortu?

Lu Totu,
quiddhu ca se facìa chiamane ndianu;
lu Totu Toma,
lu fiju te l'Antonia,
l'indifiuri de dha rretu a lla chiazza Capece.

Sciàmu sciàmu, cummare!
Curri curri, fija mea!
Oh, sorte noscia!
Acchia ci pena dha mamma!
Acchia ci pena dha famija!

Sciàmu sciàmu, vagnuni!
Fucìti fucìti tutti quanti!
Vagnuni, gente fucìti!
Pòpulu de Maie curri curri!
Dicìane ca è mortu ssulu intra n'oscu niuru e bbandunatu.

- None cummare, none!
Nu stìa ssulu.
Dicìane ca c'èrane ncerti cani?!
- La matonna cu nde iuta!
- La matonna cu nde uarda!

Sciàmu sciàmu!
Fucìmu fucìmu!
Pùveru fiju,
ci sorte nd'à tuccata:
puru ssulu ìa murire.

Dicìane ca nu tanìa ancora 36 anni.
Dicìane ca era beddhu,
puru moi ca ìa misu nu picca te panza.
Acchia ci pena dha mamma!
Acchia ci pena dha famija!

- Ma comu è mortu? Comu è mortu?
Era malatu?
E dde ce malatia è mortu?

None, none, cummare mea,
nun'era malatu.
Dicìane ca facìa puru na vita a ll'aria perta,
sempre intra lu oscu stìa,
e poi mangiava e puru vivia.

Dicìane ca l'hanno purtatu a Gagliano,
a llu spitale.
N'amicu mèticu e do' amici de Lecce:
unu cu nna bbarba ca scioca sempre a curri,
e naddhu zallu pilatu e vanitusu.

Dicìane ca cose te fecatu èrane.
Ma nu se sape bonu ci ccosa.
Forse èrane puru cose de capu.
Oh sorte noscia!
Acchia ci pena pe dhi tre fiji e dha mujere!

Oh, Cristu ci porti le cinque piache,
benatittu fiju te Maria,
proprio dha pena ivi dare a dha mamma?
E ci pena! E ci pena!
Mo' nu nde basta lu luttu a vita.

Pòveru fiju, pòveru fiju,
ci ssorte t'à tuccata.
Sempre sulu intra a Maie scìa,
mo' cu na bicicletta scasciata,
mo' cu na moturetta 'mbriacata.

Benatitti li santi te lu purgatoriu,
e benatitta signuria,
virgine santissima Maria,
propriu a dhu giovane l'ia bbutu tuccare sta triste sorte?
A nu criaturu giovane e bbeddhu.

Sciàmu sciàmu vagnuni!
Fucìmu, fucìmu tutti quanti!
Vagnuni, vagnone fucìti!
Gente, pòpulu de Maie curri curri!
Ci disgrazia nd'ia tuccare.

Lu Totu è mortu,
lu fiju te l'Antonia,
l'indifiuri de dha rretu a lla chiazza Capece,
lu Totu Toma
quiddhu ca se facìa chiamare ndianu.

Matonna mea, ci pena!
Madonna te lu Càrmunu!
E puru tie, matonna Ndulurata!
Ci digrazia, ci disgrazia,
nd'ia tuccare a stu pùveru paese!

Fucìmu, fucìmu!
Sciàmu, sciàmu tutti quanti a llu oscu te le 'ciancole'!
Dìciane ca ddhai stìa te casa!
Addhai turmìa puru la notte.
Ci curaggiu ca tanìa, mancu lu tiàulu timìa!

Dicìane ca stìa a menzu a ll'animali:
li cani e certi chizzi puru.
Pùveru fiju, pùveru fiju!
Nu facìa male a ciuveddhi.
E ncerte fiate era puru carbatu.

Certu, era nu pocu fanàticu cu l'animali,
suprattuttu cu certi ucieddhi - nde piacìane le cuccuascie.
Dicìane ca se facìa chiamare ndianu,
ma nu facìa male a ciuveddhi.
Sulu cu li cacciaturi se la pijava nu pocu.

Focu, focu nosciu!
Ci disgrazia, ci disgrazia!
Pùvera dha mamma ca sta se lu chiange.
Pùveri ni fiji ca sta lu cèrcane,
e dha mujere, rimasta vèduva e bbandunata!

Sciàmu sciàmu vagnuni!
Fucìti fucìti!
E fucìmu tutti quanti!
Vagnuni, gente fucìti!
Pòpulu de Maie curri curri!

Lu Totu è mortu,
- lu Totu Toma,
quiddhu ca se facìa chiamare ndianu,
lu fiju te l'Antonia,
l'indifiuri de dha rretu lla chiazza Capece.

Fiju, fiju, fijuuuuuuuu,
la mamma toa, cu lu niuru sempre n'piettu t'àe chiantu sventuratu,
quiddha mamma toa ca scìa sempre cu le cote addulurate,
e ca mo' puru iddha à ddhafriscatu.
Fiju, fiju, fijuuuuuuuu.

L'Antonia à ddhafriscatu,
la notte puru pe iddha è rrivata,
quiddha mamma toa, Totu,
ca indìa li fiuri a rretu a lla chiazza Capece,
e ca lu niuru de lu luttu tou nu ssia mai llivatu.

Fiju, fiju, fijuuuuuuuu,

Maurizio Nocera


[Traduzione: Correte Correte Ragazzi, Salvatore è morto!// Andiamo andiamo ragazzi!/ Correte corrette tutti quanti!/ ragazzi, gente correte!/ popolo di Maglie corri corri!/ Dicono che Salvatore è morto.// - Chi è morto? Chi è morto?// Salvatore/ quello che si faceva chiamare indiano:/ Salvatore Toma,/ il figlio dell’Antonia/ la fioraia che sta dietro alla piazza Capace.// Andiamo andiamo, commare!/ Corri corri, figlia mia!/ Oh, sorte nostra!/ Chissà quale pena per quella mamma!/ Chissà quale pena per quella famiglia!// Andiamo andiamo, ragazzi!/ Correte correte tutti quanti!/ Ragazzi, gente correte!/ Popolo di Maglie corri corri!/ Dicono che è morto solo in un bosco nero e abbandonato.// - No, commare, no!/ Non stava solo./ Dicono che c’erano alcuni cani!/ - La madonna che ci aiuti!/ La madonna che ci guardi!// Andiamo andiamo!/ Corriamo corriamo!/ Povero figlio,/ che sorte gli è toccata:/ anche solo gli doveva capitare di morire.// Dicono che non aveva nemmeno 36 anni./ Dicono che era bello,/ anche adesso che aveva messo un po’ di pancia./ Chissà che pena quella mamma!/ Chissà che pena quella famiglia!// - Ma come è morto? Come è morto?/ Era malato?/ E di che malattia è morto?// No, no, commare mia,/ non era malato./ Dicono che faceva anche una vita all’aria aperta,/ sempre nel bosco stava,/ e poi mangiava e pure beveva.// Dicono che l’hanno portato a Gagliano,/ all’ospedale./ Un amico medico e due amici di Lecce:/ uno con una barba che gioca sempre a curli,/ e un altro zallo pelato e vanitoso.// Dicono che cose di fegato erano./ Ma non si sa bene che cosa./ Forse erano pure cose di testa./ Oh, sorte nostra!/ Chissà quale pena per quei tre figli e la moglie!// Oh, Cristo che porti e cinque piaghe,/ benedetto figlio di Maria,/ proprio quella pena dovevi dare a quella mamma?/ E che pena! E che pena!/ Adesso non le basta il lutto vita.// Povero figlio, povero figlio,/ che sorte gli è toccata./ Sempre solo a Maglie andava,/ mo’ con una bicicletta scassata,/ mo’ con una motoretta ubriaca.// Benedetti i santi del purgatorio,/ e benedetta Signoria,/ Vergine santissima Maria,/ proprio a quel giovane doveva toccare questa triste sorte?/ Ad una creatura giovane e bella.// Andiamo andiamo ragazzi!/ Corriamo, corriamo tuti quanti!/ Ragazzi, ragazze correte!/ Gente, popolo di Maglie corri corri!/ Che disgrazia ci doveva toccare.// Salvatore è morto,/ il figlio dell’Antonia,/ la fioraia che sta dietro alla piazza Capace,/ Salvatore Toma/ quello che si faceva chiamare indiano.// Madonna mia, che pena!/ Madonna del Carmine!/ E pure te, Madonna dell’’Addolorata!/ Che disgrazia, che disgrazia,/ dovea capitare a questo povero paese!// Corriamo, corriamo!/ Andiamo, andiamo tutti quanti al bosco delle “ciancole”!/ Dicono che là stava di casa!/ Là dormiva anche di notte./ Che coraggio che teneva, neanche il diavolo temeva!// Dicono che stava in mezzo agli animali:/ i cani e certe civette pure./ Povero figlio, povero figlio!/ Non faceva male a nessuno./ E alcune volte era pure educato.// Certo, era un po’ fanatico con gli animali,/ soprattutto con certi uccelli – gli piacevano le civette./ Dicono che si faceva chiamare indiano,/ ma non faceva male a nessuno./ Solo con i cacciatori se la pigliava un po’.// Fuoco, fuoco nostro!/ Che disgrazia, che disgrazia!/ Povera quella mamma che se lo sta piangendo./ Poveri figli che se lo stanno cercando,/ e quella moglie, rimasta vedova e abbandonata!// Andiamo andiamo ragazzi!/ Correte correte!/ E corriamo tutti quanti!/ Ragazzi, gente correte!/ Popolo di Maglie corri corri!// Salvatore è morto,/ - Salvatore Toma,/ quello che si faceva chiamare indiano,/ il figlio dell’Antonia,/ la fioraia che sta dietro alla piazza Capace.// Figlio, figlio, figlioooooooo,/ la mamma tua, col nero sempre in petto ti ha pianto sventurato,/ quella mamma tua che sempre con le gote addolorate,/ e che adesso anche lei si è riposata./ Figlio, figlio, figlioooooooo.// L’Antonia si è riposata,/ la notte anche per lei è arrivata,/ quella mamma tua, Salvatore,/ che vendeva fiori dietro alla piazza Capace,/ e che il nero del lutto tuo no si era mai tolto.// Figlio, figlio, figlioooooooooo]

Nessun commento: