lunedì 22 ottobre 2007

Fuori dal casello delle sud-est Tricase Tutino


La mia pelle è una terra
Il mio corpo un sentiero senza destino
La mia vita è un errore
La mia mano una radice disposta sull'orizzonte
L'odio è una bocca piena di sabbia
La mia pelle rubata al tempo
Nel pozzo profondo esistono immagini e
Un grido che nessuno ascolta
lo sono affascinato dal pozzo poiché è là che
Le mie grida mi abbandonano
Il mio corpo è blu e non riflesso di luce
lo sono un secolo di silenzio e di argilla
Un campo tracciato dalla notte
Il mio corpo è un incendio

Puccetto

Nessun commento: