giovedì 2 agosto 2007

Questo è il mio mondo

Scrittura per una voce!
a cura di MM

Se veniste da queste parti prendendo qualsiasi strada, partendo da qualsiasi posto, in qualunque ora e in qualunque stagione, sarebbe sempre lo stesso: vi toccherebbe spogliarvi dei sensi e della ragione

E’ un atto. Bell’atto.[!] Mia madre continua e scarta margheritoni per il Sud, per la camomilla di famiglia.
[...]
Quanti fili spezzati di vite, di romanzi, fra acacie sui prati.
Quando l’alba ridiede rami agli alberi, e contorni alle foglie, su un lontano sentiero un uomo s’affacciò; attorno al collo aveva un fazzoletto color di fuoco: sparve ad un richiamo.
L’allodola e la luna sole nel cielo: lei sorta appena e il passero spaurito dal pino nero …
Nessuno l’attendeva. Nessuno attende. Volava di traverso con tutto il cielo in gola.
Sotto di lei crollavano i papaveri, un ombra cancellava coi grossi pollici il dolce vino e il viola del tramonto.
[…]
Mi chiedi a che serve poesia non ti preoccupare, aggiusto tutto, avrò senso, dormirai la notte!
Da oggi, vedrai, calibro la rabbia, le verdi stonature. Lascerò le alchimie… i percorsi di miglio profumato: credimi, da oggi stesso i colpi che do al vuoto.
Da oggi cambio, da oggi non mi importerà del tremore del treno che mi assale di questa ossessione che è la vita. Avrò più tempo, sarò tranquillo riprendo a stare a casa tua.
[…]
Questo è il mio mondo, il suono che muove questa lingua, la poca solitudine, l’apprezzo delle cose senza voce…
[ e allora]
Ditemi qual è il mio crudo fiore […] che io me l’appunti al petto e mi distinguano le Nature Supreme mi segnino a dito, come uno da scampare.
***
Versi da:
Thomas S. Eliot (citazione tratta dal libro di Antonio Errico, Finibusterrae)
Antonio Verri
Vittorio Bodini
Ercole Ugo D’Andrea

Nessun commento: