giovedì 12 luglio 2007

Come prima dell'acqua e delle capre

[…]

Ecco

Io e te, Meridione,

dobbiamo parlarci una volta,

ragionare davvero con calma,

da soli,

senza raccontarci fantasie

sulle nostre contrade.

Noi dobbiamo deciderci

Con questo cuore troppo cantastorie.

[da Noi dobbiamo deciderci]

[…]

vanno all’acqua ridendo le ragazze

e la freccia che indica oltre il ponte

nessuno sa dove voglia portare.

[da Ridendo le ragazze]

[…]

Qui tutto

è come prima,

come prima dell’acqua

e delle capre.

[da Ce n’è di paesani]
[…]

Brutto paese, caro mio.

Amaro chi ci capita.

[da Quattro pallate]
[…]

C’è pace

vita chiara

di donne di bambini

di carri tirati dai buoi

e a sera, quando ai balconi

c’è sonno di garofani,

due stelle bizantine

s’affittano una stanza

nel cielo della piazza.

[da Sonno di garofani]
[…]

Ciò che accade

di importante nel mondo

nel tuo vicolo è un eco

sempre di crepacuore.

[da Queste le notizie ]
[…]

Sparare

è nel sangue,

si nasce;

un male di natura

com’è la peronospora

la siccità la grandine.

Basta sì

Una storia di niente…

[da Apologo]
[…]

Siamo

l’odore

di cipolla

che rinnova

le viscere d’Europa.

[da Il canto dei nuovi emigranti ]
[…]

Milioni di macchine

Escono targate Magna grecia.

Noi siamo

Le giacche appese

Nelle baracche nei pollai…

[da Il canto dei nuovi emigranti ]
[…]

Addio

terra

Salutiamoci,
è ora.

[da Il canto dei nuovi emigranti ]

Le parti sono state tratte da Franco Costabile, La rosa nel bicchiere, Qualecultura 2006

Nessun commento: